Le nostre News

In questa sezione vi presenteremo gli stati d'avanzamento del progetto, 
 le nuove iniziative organizzate fornendovi il calendario  degli eventi
e notizie di approfondimento, oltre a condividere con voi reportage 
 fotografici e video delle iniziative realizzate.
Per rimanere sempre informato iscriviti alla nostra newsletter.

COMUNICATO STAMPA DEL 26 SETTEMBRE 2022

'Nato in Casa', allestimento multimediale nel Museo Casa Natale di Ales
è un itinerario organizzato nei luoghi gramsciani raccontano vita e opere di Antonio Gramsci.
Il primo ottobre l’inaugurazione al pubblico e due giornate di tour a Ghilarza, Santu Lussurgiu, Ales, Sorgono e Cagliari.

Prosegue con tenacia tutta gramsciana il GramscilabAles 5.0. Ideato e promosso dalla compagnia Il crogiuolo di Cagliari prima della pandemia, il progetto è stato portato avanti in questi anni nei suoi diversi contenuti, sempre con entusiasmo e determinazione, dalla direttrice artistica Rita Atzeri e dai partecipanti arrivati da diverse parti d’Italia per gli spettacoli e le residenze artistiche che hanno premiato i progetti di indagine maggiormente innovativi.

Con la presentazione al pubblico di "Nato in casa", installazione multimediale pensata per la Casa Natale Gramsci di Ales, sabato 1° ottobre alle ore 17:00, il GramscilabAles 5.0 giunge al suo punto d'approdo più importante: proporre un punto di vista inedito del grande intellettuale e politico, dando al contempo un contenuto al bell’edificio ottocentesco dove nacque Antonio Gramsci.

“Abbiamo pensato di iniziare a raccontare Gramsci attraverso la dimensione della Casa e quindi dell'intimità di affetti che al concetto di casa afferiscono, a partire dalla nascita, che narriamo attraverso un’approfondita ricerca sulla nascita in Sardegna tra fine Ottocento e primi del Novecento”, afferma Rita Atzeri, che prosegue: “Abbiamo fatto inoltre un enorme lavoro per gettare i presupposti di un percorso integrato di tour di luoghi gramsciani fruibile anche da gruppi e scolaresche, accattivante intellettualmente e tecnologicamente, che è suscettibile di essere sempre più arricchito di contenuti”, dichiara l’ideatrice del progetto finanziato dalla Regione Sardegna nell'ambito del POR FESR 2014-2020 – Azione CultureLAB2018.

I Totem
Visitando la Casa che dal 1947 ospita le commemorazioni gramsciane, si avrà dunque d’ora in poi accesso a una molteplicità di contenuti, resi fruibili attraverso due totem (un terzo totem è situato nella biblioteca comunale) collegati a un server che può essere aggiornato e ampliato anche con progetti futuri. “Il nostro lavoro è stato quello di creare degli strumenti che potessero essere poi sviluppati in modo autonomo anche rispetto alla chiave qui proposta”, spiega Rita Atzeri.
I totem danno la possibilità di accedere a una vasta emeroteca, sfogliare e consultare libri, giornali e riviste e, attualmente, ospitano i contributi della ricerca sulla nascita in Sardegna tra ‘800 e ‘900 frutto del lavoro decennale di Luisa Orrù e Fulvia Putzolu, che hanno raccolto - anche tramite gli studenti universitari - testimonianze di donne madri, levatrici empiriche e ostetriche condotte, e la raccolta di opere d'arte curata da Martina D'Asaro, sempre sullo stesso tema.
I totem, che si rivolgono anche a famiglie e scolaresche, propongono anche giochi didattici per bambini dai 6 ai 10 anni, il libro 'Riccino e Riccetta', il video dello spettacolo omonimo e, a firma di Alessandra Marchi del Gramsci Lab della facoltà di Scienze politiche dell'Università di Cagliari, un progetto che segue l’evoluzione del pensiero di Gramsci nel mondo.

La App
Sarà presentata una nuova App che guiderà, in 6 lingue diverse, la visita virtuale della Casa e ospiterà, inoltre, contenuti che saranno aggiornati e riprogrammati di volta in volta.

Le proiezioni
La sala proiezioni ospita un video sul rapporto tra Gramsci e le donne interpretato attraverso la danza. Peculiare la tecnologia a disposizione in tri-proiezione.

Lo spettacolo
Alle ore 19:00 andrà in scena il monologo teatrale "Combatto gli indifferenti" dell'autrice e interprete romana Ludovica Valeri. Esito della residenza artistica dello scorso anno, "Combatto gli indifferenti" rievoca e propone la storia di Antonio Gramsci a partire da una misteriosa figura femminile. Tra soliloqui, canzoni, immagini, luci ed ombre, il pubblico è invitato a scoprire chi sia la donna che tanto conosce e a lasciarsi andare alla fantasia, alla memoria, all’emozione fino a scoprire una storia che non è stata mai raccontata.

L’itinerario
Con le amministrazioni comunali, i musei e le associazioni culturali del territorio, sarà presentata l’edizione pilota di un itinerario gramsciano disponibile tutto l’anno per scolaresche e gruppi che intendano approfondire la conoscenza o avvicinarsi alla figura di Antonio Gramsci attraverso la visita dei luoghi in cui è nato (Ales) o è vissuto e ha studiato (Ghilarza, Sorgono, Santu Lussurgiu, Cagliari).
L’itinerario pilota si sviluppa nel corso di due giorni e parte da Ghilarza sabato 1° ottobre alle 9:30. Paese d’origine della madre Peppina Marcias, Ghilarza è il paese dove Antonio Gramsci ha vissuto dal 1898 al 1911. La casa, il paese, il territorio circostante hanno rappresentato per Gramsci luoghi di memoria e di affetti a cui è tornato più volte con note di struggente nostalgia. Sono ambienti descritti nelle Lettere dal carcere, nei Quaderni del carcere e nella memorialistica dei primi biografi. Alle ore 12:00 si prosegue per Santu Lussurgiu con la visita al percorso del Ginnasio Carta-Meloni, dove Gramsci studiò prima di spostarsi a Cagliari e, dopo il pranzo, si prosegue per Ales, dove alle 16:00, a cura dell’Associazione Casa Natale Gramsci di Ales, si visiterà la piazza allestita da Giò Pomodoro per poi partecipare, alle ore 17:00, alle iniziative di “Nato in Casa”.
Domenica 2 ottobre ci si sposta a Sorgono, con la visita dei luoghi gramsciani a cura dell’ Associazione Culturale Amici di Antonio Gramsci e infine a Cagliari, per seguire Gramsci in Casteddu, trekking urbano ideato da Ornella Piroddi, Giacomo Casti e Maurizio Pretta nel 2017 che racconta di Antonio Gramsci studente al liceo Dettori di Cagliari attingendo alle memorie di chi ebbe modo di conoscerlo e frequentarlo, alle storie e cronache cittadine.

I giornalisti che volessero partecipare al tour (pernottamento e vitto a carico dell'organizzazione) sono pregati di mettersi in contatto con l'ufficio stampa.


Info Il crogiuolo: 334 8821892
mail: ilcrogiuolo@gmail.com

Emergenza COV-19

Ad oggi non sappiamo se per l’emergenza nazionale corona virus saremo in grado di rispettare il programma di spettacolo, è probabile che sia necessario rinviare qualche evento. Stiamo anche lavorando all’ipotesi di realizzare delle dirette streming da rendere fruibili su questo sito e nella pagina facebook della compagnia.

Spettacolo e COV-19

Siamo tutti a casa, l'emergenza sanitaria del Covid19 tramite i decreti del presidente del consiglio lo impone e noi rispettiamo la legge.

Per le modalità di diffusione della pandemia, per l'autorevole parere di scienziati, studiosi, filosofi non siamo convinti che restare a casa sia ancora la soluzione giusta e ci auguriamo che la Fase 2 possa effettivamente iniziare dal 4 maggio con indicazioni precise di ripresa per la categorie più colpite: la scuola e la cultura.
Sono stati ignorati completamente diritti ed esigenze dei bambini, ignorate, perché affrontate con l'elemosina, le istanze dei lavoratori dello spettacolo.

Sa Die Da Sa Sardigna

L'ATS NORD - SUD costituita da Il crogiuolo e S'Arza Teatro propone un'iniziativa per Sa die de sa Sardigna, letteralmente in lingua sarda "il giorno della Sardegna", titolandola alla "Cacciata di tutte le corone". 

Sa Die è una festa regionale istituita di recente nel 1993 per ricordare la sommossa del 28 Aprile 1794 , giorno in cui i sardi si sono ribellati ai piemontesi e che costrinse l'allora Viceré Balbiano a fuggire da Cagliari.

I corsi e ricorsi della Storia ci hanno mostrato che a volte sono gli stessi Sardi ad invocare il gioco de su Strangiu, proponendo strane alleanze. Siamo alla Storia Contemporanea in pratica ed è per questo che diamo il contributo alla celebrazione da Sa Die, perché da Sardi si impari a riconoscere il giogo quando lo si vede.

Mario Faticoni ha realizzato un video in cui propone un frammento, sotto forma di lettura, dello spettacolo "Scommiato", una produzione de Il crogiuolo diretta da Bruno Venturi, che ha firmato anche l'adattamento del testo dall'autobiografia di Vincenzo Sulis. L'incontro con questo testo stupendo lo dobbiamo al Professor Giuseppe Marci, a cui siamo legati da un sentimento di profonda stima e gratidudine. La stagione del Sulis ci ha portato con professor Marci, l'amico Franco Madau, l'editore Cuec, in tantissime scuole della Sardegna e ne abbiamo un ricordo vivido e nostalgico, oltre che commosso per l'innaturale distanza in cui oggi siamo costretti a vivere dal mondo della scuola e dell'Università.

Il video è stato appositamente realizzato per il web ed è stato pubblicato sul sito il25aprile2020.gramscilab-ales.com e sulla pagina facebook della compagnia nell’ambito del progetto Gramsci Lab5.0 - POR FESR Sardegna 2014-2020 – Azione CultureLAB2018 –

25 Aprile 2020

Il mese d’Aprile per Il crogiuolo, la storica compagnia teatrale cagliaritana fondata da Mario Faticoni e diretta da Rita Atzeri, negli ultimi anni è stato vissuto all’insegna della programmazione di spettacolo dedicata ai temi della Resistenza. Il 2020 a causa della tristemente nota emergenza sanitaria Covid19, con la chiusura dei teatri e dei centri d’Arte, si ritrova orfano dell’ “Aprile Resistente” ma non di iniziative per celebrare il 75° anniversario della Festa della Liberazione. Il 25 aprile 2020 infatti Il crogiuolo nell’ambito del progetto Gramsci Lab5.0 - POR FESR Sardegna 2014-2020 – Azione CultureLAB2018 – renderà fruibili sul sito il25aprile2020.gramscilab-ales.com e sulla pagina facebook.
Il crogiuolo/Fucina Teatro degli spettacoli appositamente realizzati o rivisitati per la fruizione sul web. 

"Riccino e Riccetta". I membri del nostro staff hanno continuato a lavorare - ognuno da casa propria - e lo hanno fatto pensando soprattutto ai bambini. Ecco come sono nati i progetti e l'animazione di uno dei personaggi di "Riccino e Ricetta" realizzati dal costumista e scenografo Marco Nateri per il progetto Gramsci Lab 5.0. Seguite gli aggiornamenti cliccando qui o sul link sottostante ("Riccino e Riccetta" - work in progress -).

"II topo e la montagna". Rita Atzeri legge Gramsci.  Il topo e la montagna è una delle favole che Gramsci dedicò ai figli, una favola morale che è ancora più attuale ai giorni nostri, in cui l’uomo è sempre meno attento e meno rispettoso del mondo che lo circonda e il suo messaggio profondo è importante anche per i bambini di oggi. Gramsci la scrisse a mano, in carcere nel 31, completa di magnifici disegni.
Un topo intraprendente scopre quanto il nostro nutrimento, e in fondo la nostra gioia domestica, dipenda dall’armonia del creato. Se la natura, i boschi, le pietre sono devastate dagli speculatori, il perfetto equilibrio crolla. Guardate il video di Rita cliccando qui.

"Riccino e Riccetta" è uno spettacolo di teatro ragazzi realizzato con la tecnica del teatro d’attore e del teatro d’animazione con oggetti e pupazzi e si rivolge ai bambini della scuola primaria. Seguiteci nel - work in progress - e nei contenuti speciali di questo spettacolo.
"Riccino e Riccetta" - work in progress- >

Siamo on line - 28 febbraio 2020
 E' online la prima versione del sito web. A breve sarà aggiornata la grafica e in seguito sarà aggiornato per evidenziare gli stati di avanzamento, le attività, gli eventi e altre novità inerenti al progetto.

Vieni a conoscerci

Casa Natale Antonio Gramsci

Corso Cattedrale, 14
09091 Ales (OR)

  • Visa
  • Master Card
  • American Express
  • Pay Pal
  • Discover

P.IVA IT02048820928

https://ilcrogiuolo.eu

Contatti - Contacts

Fucina Teatro c/o Centro Culturale La Vetreria - via Italia, 63
090134 Pirri - Cagliari (CA)

Newsletter

26 Settembre 2020